.
Annunci online

guevarina3
...frammenti di emozioni, idee, pensieri...
musica
25 dicembre 2006
Vibrazioni emotive [n° 4] - Notti natalizie

Happy Christmas (War Is Over) - John Lennon

In una fredda serata invernale due ragazze ed un ragazzo girano per le strade illuminate a festa, inalando aria natalizia che gela i polmoni e riscalda il cuore. Camminano infilandosi tra i passi veloci della folla, perdendosi tra facce sorridenti nell’inseguire le “pastorelle”. Intorno è infatti un incessante susseguirsi di canti natalizi e presepi viventi. Eh sì, alcune tradizioni resistono, in queste cittadine di provincia.

Tra rituali saluti e auguri tra conoscenti si imbattono, lungo il viale che costeggia il mare, in un qualcosa di indistinguibile. Si avvicinano e trovano un orrido maculato esemplare di borsa. Cosa fare? I tre la raccolgono, non c’è nessuno intorno. Salgono in macchina e, giunti in un posto isolato, si mettono ad esaminarne il contenuto. Rimmel, matita, fondotinta, un’agendina e nient’altro. Su quest’ultima è però scritto il nome di tale J., anno di nascita 1990, con tanto di numero di cellulare e indirizzo di casa. Nonostante gli iniziali tentennamenti di qualcuno (vedi V.), l’onesterrima F. compone il numero di telefono della tipa. Niente, spento. Forse è stato rubato da qualcuno prima di loro, e magari anche il portafoglio.

F. allora convince gli altri ad andare dalla polizia per lasciare la borsa, in modo che siano loro a riconsegnarla. Giunti davanti all’edificio si guardano con aria interrogativa, dov’è l’entrata? Soltanto sbarre. Fanno un giro intorno al palazzo ma non trovano una porta, o un cazzo di citofono, insomma niente di niente. E se uno si volesse costituire? Ho capito che i carceri sono pieni, ma fatemi almeno confessare e condannare: alle perse c’è sempre l’indulto! Demordono.

Rimane solo una possibilità: portare la borsa a casa di tale J.

In poco tempo trovano quello si presume sia il suo palazzo. F. e B. scendono con la borsa in mano, V. rimane in macchina. Il portone è chiuso ed è troppo tardi per suonare.

La macchina riparte e sulla maniglia di quella porta rimane appesa una brutta borsa leopardata.

Chissà se J. l’avrà ritrovata, o se forse l’avrà presa qualche passante curioso, rendendo vano ogni sforzo.

In ogni modo la morale è la stessa: a natale si è tutti più buoni (ma F. lo è sempre! ;p)!.

 

BUON NATALE!




permalink | inviato da il 25/12/2006 alle 3:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


blog n° 1363

Perchè a vent'anni è tutto ancora intero,
perchè a vent'anni è tutto chi lo sa,
a vent'anni si è stupidi davvero,
quante balle si ha in testa a
quell' età...

“...Domani, ieri, che vogliono dire queste parole?
Non c’è che il presente. Una volta nevica. Un’altra volta piove.
Poi c’è un po’ di sole, un po’ di vento. Tutto ciò è adesso. Non è stato, non sarà. E’. Sempre.
Tutto insieme. Perché le cose vivono in me e non nel tempo. E in me tutto è presente”.
(Agota Kristof)



...con un ritmo fluente di vita
nel cuore...

Io e Parole di
tragicona!



ideal man: ;)


Perchè un pretesto per tornare bisogna
sempre seminarselo dietro, quando si parte.
(Alessandro Baricco)



Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
(Nazim Hikmet)

Tutte le cose che sono
veramente grandi, a prima
vista sembrano impossibili.
(Friedrich Nietzsche)


Tra i francesi (e gli inglesi)
che si incazzano...


world champions
"non c'è vittoria migliore dello
scalpo dei francesi"


european champions

Andavo di fantasia, e di ricordi, è quello che ti rimane
da fare, alle volte, per salvarti, non c'è più nient'altro.
Un trucco da poveri, ma funziona sempre.
(Alessandro Baricco)

Ascolta un pò di musica...



LA MUSICA

Spesso la musica mi porta via come fa il mare. Sotto una
volta di bruma o in un vasto etere metto vela verso
la mia pallida stella.

Petto in avanti e polmoni gonfi come vela scalo la cresta
dei flutti accavallati che la notte mi nasconde;  

sento vibrare in me tutte le passioni d'un vascello che dolora,
il vento gagliardo, la tempesta e i suoi moti convulsi

sull'immenso abisso mi cullano. Altre volte, piatta bonaccia,
grande specchio della mia disperazione...

(Charles Baudelaire)

Il vento che nasce e muore
nell’ora che lenta s’annera
suonasse te pure stasera
scordato strumento,
cuore.

(Eugenio Montale)


ascolta
RADIO ROCK!

http://spaces.msn.com/guevarina3/

scopri quanto mi conosci:

clicca qui!



gestione blog



VIBRAZIONI EMOTIVE:

 

[n°1] Nuotando nell’aria, Marlene Kuntz

[n° 2 ] Coriandoli a Natale, Subsonica

[n° 3] Bianca, Afterhours

[n° 4] Happy Christmas, John Lennon

[n° 5] Per me è importante, Tiromancino


[n° 6] Starlight, Muse

[n° 7] Meds, Placebo